Be Conscious. Be Koroo.
filem e documentari sostenibili
Photo by Lysander Yuen on Unsplash

I migliori film e documentari sulla sostenibilità

L’anno appena passato e’ stato ben oltre l’immaginabile. Per molte persone, viaggiare attualmente non è un’opzione e il pensiero di essere rinchiusi nelle nostre case per lunghi periodi può essere scoraggiante per coloro che desiderano avventure e vogliono soddisfare la loro voglia di viaggiare.

Perché non usare questo tempo in isolamento per guardare alcuni documentari che non solo manterranno vivo il tuo spirito di viaggio, ma ti ispireranno anche a esplorare il mondo in modo più responsabile una volta che la vita tornerà alla normalità e il viaggio sarà di nuovo possibile?

Ho selezionato alcuni. tra i migliori documentari e film sul turismo sostenibile che ci insegnano lezioni importanti. Molti di loro si soffermano sul motivo per cui dovremmo cercare di ridurre al minimo la nostra impronta e avere un impatto positivo sulle destinazioni che visitiamo. Questi film trattano questioni molto importanti nel settore dei viaggi come l’impatto del turismo di massa, la gentrificazione, i danni ambientali e la perdita di identità e presentano idee su come evitare di contribuire a questi problemi.

Years of Living Dangerously (2017)

Years of Living Dangerously, la cui prima serie è stata considerata “la serie televisiva più importante mai realizzata”, ha vinto un Emmy nel 2014 come miglior documentario o saggistica. È una produzione di James Cameron, Jerry Weintraub e Arnold Schwarzenegger per National Geographic che coinvolge celebrità, giornalisti e produttori di Hollywood.

Tra loro, David Letterman, Ian Somerhalder, Ty Burrell, Gisele Bündchen e Jack Black prestano i loro volti per sensibilizzare l’opinione pubblica sul deterioramento della natura e sui gravi effetti del cambiamento climatico. Dall’India al Kenya, passando per la Cina, attraversando la foresta pluviale amazzonica in Brasile e visitando la Grande Barriera Corallina in Australia, alcune delle celebrità più importanti del mondo esplorano i problemi e le soluzioni intorno al riscaldamento globale e alla protezione dell’ambiente.

Before the flood (2016)

Un altro volto famoso in tutto il mondo che concentra i suoi sforzi sulla lotta al cambiamento climatico è l’attore Leonardo DiCaprio, che, con il regista Martin Scorsese, ha prodotto il documentario del National Geographic Before The Flood nel 2016.

Il film, presentato in anteprima gratuitamente su Internet, analizza come possiamo prevenire problemi ambientali come la scomparsa di specie ed ecosistemi naturali in pericolo di estinzione o comunità indigene minacciate. Presentato in modo rigoroso ma accattivante da Leonardo DiCaprio, il documentario ha un cast impressionante, tra cui Barack Obama, Bill Clinton, Ban Ki-moon, Papa Francisco, NASA e altri rinomati scienziati, ambientalisti forestali, leader della comunità e attivisti ambientali.

Ten Billion (2015)

Il regista Peter Webber è dietro questo film che riunisce le conclusioni di uno studio condotto dieci anni fa da Stephen Emmott, direttore delle scienze computazionali di Microsoft, basato sulle previsioni di un team di scienziati su come sarà la vita sulla Terra alla fine del il 21 ° secolo.

Lo studio ha presentato le sfide che la razza umana dovrà affrontare entro quella data, con una popolazione che raggiungerà i 10 miliardi, tenendo conto del fatto che le risorse naturali del pianeta sono limitate. Questo è un avvertimento importante sui pericoli della sovrappopolazione.

Food Inc. (2008)

Diretto da un regista vincitore di un Emmy Robert Kenner, questo documentario si concentra sulle condizioni del sistema alimentare e dell’industria americana, rivelando che questo modello aggressivo si sta diffondendo in tutto il mondo. Con un formato reale, combina interviste a produttori e agricoltori, soffocati da grandi multinazionali che vogliono implementare i propri metodi di produzione indipendentemente dalle conseguenze.

Foraggi transgenici, tecniche di marketing ingannevoli, agricoltura intensiva … Le multinazionali menzionate nel film, come Monsanto, Tyson Foods o Smithfield Foods, tra le altre, si sono rifiutate di apparire nel film. Un film illuminante che cambierà la nostra visione del nostro cibo e, soprattutto, il nostro modo di scegliere ciò che mangiamo.

The Cove (2009)

Quasi 23.000 delfini vengono brutalmente massacrati ogni anno a The Cove, nel Parco Nazionale di Taiji (Giappone), per vendere la loro carne per il cibo – nonostante i suoi alti livelli di mercurio – e venderli vivi per i delfinari in tutto il mondo, come Seaworld, con succulenti benefici. Avendo vinto un Oscar per il miglior documentario 2010, The Cove è una disperata denuncia del più noto addestratore di delfini Rick O’Barrey, che denuncia le conseguenze dei delfini e delle orche in cattività, nonché le loro uccisioni avvenute a scopo di scambio con questi bellissimi animali.

Il film è una miscela di attivismo e spionaggio. Un documentario inquietante e rivelatore composto da telecamere nascoste e microfoni sottomarini che scoprono la terribile realtà al di là di questi delfinari.

The 11th Hour (2007)

Prodotto e diretto dall’attore Leonardo di Caprio, questo documentario mostra i dati di esperti come lo scienziato Stephen Hawking all’ex primo ministro dell’URSS Mikhail Gorbachev. Fenomeni meteorologici tremendi, come uragani, siccità estreme e inondazioni, hanno origine dal cambiamento climatico. Effetti del riscaldamento globale e dell’attività umana.

DiCaprio ci parla di queste drastiche soluzioni per ripristinare gli ecosistemi e ci esorta ad attuare queste misure il prima possibile.

Waste Land (2009)

Questa è la storia della più grande discarica di rifiuti dell’America Latina, Rio de Janeiro. Il suo regista, Lucy Walker, e i due registi brasiliani João Jardim e Karen Harley che l’hanno prodotto, vogliono mostrare al pubblico com’è la vita quotidiana di tutte le persone che ci vivono.

L’artista brasiliano Vik Muniz si reca nella discarica di Jardim Gramacho con l’obiettivo di raffigurare tutti quei netturbini e mostrarli come opere d’arte. Un documentario che farà sentire a disagio molte persone a causa della sua cruda realtà.

Vendemmia

Un film- documentario di viaggio sostenibile ambientato vicino a noi. Vendemmia infatti racconta la storia delle idilliache Cinque Terre, una delle destinazioni turistiche più popolari in Italia e patrimonio mondiale dell’UNESCO.

Arroccati in cima a scogliere rocciose sulla costa occidentale del paese, i cinque piccoli villaggi che compongono le Cinque Terre erano luoghi tranquilli e sottosviluppati, ma ora ricevono milioni di turisti ogni anno. Poiché il numero di visitatori continua a salire, le Cinque Terre si confronta con la questione di come mantenere la sua autenticità a fronte del turismo schiacciante.

Con splendide immagini dei vigneti della regione, case color pastello e coste frastagliate, questo documentario turistico fa un ottimo lavoro nel presentare gli sforzi delle Cinque Terre per trovare un equilibrio tra turismo sostenibile, conservazione ambientale, sviluppo economico e conservazione delle antiche tradizioni.

2.5% – The Osa Peninsula

Contenendo il 2,5% della biodiversità mondiale, la penisola di Osa, ricoperta dalla foresta pluviale del Costa Rica, è il luogo biologicamente più intenso della Terra secondo il National Geographic.

Oltre a mostrare l’incredibile fauna selvatica della penisola di Osa, questo documentario esamina le potenziali conseguenze della costruzione pianificata di un aeroporto internazionale nella regione. Mentre questo tipo di progetto creerebbe maggiori opportunità economiche per le comunità locali, che attualmente sono tra le più povere del paese, minaccerebbe anche di distruggere la fragile foresta pluviale.

Il documentario di viaggio esplora come la promozione del turismo della comunità rurale potrebbe essere la risposta ai problemi della penisola di Osa. Questo nuovo modello turistico non solo può consentire alla gente del posto di guadagnarsi da vivere, ma può anche aiutare la regione a preservare la sua natura incontaminata e promuoversi come destinazione di viaggio eco-consapevole e sostenibile.

Gringo Trails

Con accattivanti filmati delle saline boliviane, delle isole party della Thailandia, dei deserti del Mali e delle montagne del Bhutan, Gringo Trails esamina l’effetto a lungo termine del turismo sulle comunità, la loro cultura e l’ambiente.

Attraverso storie affascinanti sia di gente del posto che di viaggiatori, questo documentario di viaggio illustra come la scena internazionale dei viaggiatori con lo zaino in spalla possa alterare alcune delle aree più remote del mondo. Uno degli esempi più drammatici di questo è la spiaggia di Haad Rin in Thailandia che un tempo era un luogo incontaminato dai turisti, ma ora ospita le famose feste della luna piena – rave sulla spiaggia che si verificano regolarmente con molta vernice UV e migliaia di ubriachi stranieri.

Il film presenta anche esempi di alternative di viaggio più sostenibili, come le iniziative di ecoturismo basate sulla comunità in Bolivia e la politica del turismo non convenzionale del Bhutan.

Bye Bye Barcelona

Questo e’ un perfetto documentario di viaggio sostenibile. Esamina infatti le sfide che Barcellona e i suoi residenti devono affrontare a causa dell’enorme e sempre crescente numero di turisti internazionali che la città riceve.

Poiché le strade sono costantemente inondate di visitatori stranieri, i quartieri più popolari della città stanno perdendo la loro autenticità, le proprietà vengono trasformate in appartamenti turistici ei prezzi degli immobili sono in aumento. Poiché Barcellona è anche una delle principali destinazioni europee per addii al celibato e nubilato, le folle ubriache che occupano le strade sono una vera preoccupazione per coloro che vivono nelle zone colpite. I residenti lamentano che la vita per la gente del posto sta diventando insopportabile e la città si sta trasformando in un parco a tema per il solo divertimento dei turisti.

Bye Bye Barcelona sfida l’idea che il turismo sia un’attività vantaggiosa per tutti e sottolinea la necessità per le destinazioni di considerare attentamente come si commercializzano, che tipo di visitatori attirano e come possono promuovere viaggi sostenibili.

FILM E DOCUMENTARI SULLA SOSTENIBILITÀ: CONCLUSIONI

Anche se alcuni di questi documentari di viaggio dipingono un quadro piuttosto cupo dell’industria del turismo e considerano principalmente gli impatti negativi, non credo che la risposta a questi problemi sia smettere di viaggiare.

Il viaggio arricchisce le nostre vite in tanti modi e può anche portare grandi benefici alle comunità locali se fatto in modo responsabile, sostenibile e consapevole.

Una volta che la pandemia globale sarà finita e i paesi apriranno di nuovo i loro confini, continua a esplorare, ma non essere il tipo di turista di cui si parla in questi film.

Fai quel viaggio, ma fai scelte più sagge sui luoghi che visiti, quando li visiti, gli alloggi in cui soggiorni e le attività in cui ti impegni.

Seguici sui Social

Seguici su Facebook

Altre storie
Busy bags facili per bambini